fbpx

Enter your keyword

Crisalide

CRISALIDE è un progetto di ricerca industriale approvato sul “Bando per progetti di ricerca industriale strategica rivolti agli ambiti prioritari della strategia di specializzazione intelligente” (DGR 986/2018) all’interno del POR-FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020, Asse 1 – Ricerca e innovazione, Azione 1.2.2

PARTNERSHIP

  • REDOX SRL (Capofila)
  • MISTER – Laboratorio di ricerca industriale
  • Teknehub UNIFE – Laboratorio di ricerca industriale
  • Romagna Tech – Centro per l’Innovazione

IMPRESE

  • Finsoft Srl
  • Leonardo Srl
  • LudoTIC

STAKEHOLDERS

  • Archiginnasio dell’Istituzione Biblioteche di Bologna
  • Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia

Descrizione

Il progetto sviluppa un sistema per la diagnostica predittiva e la digitalizzazione applicati alla conservazione e alla accessibilità delle opere d’arte. Il progetto porta avanti un approccio integrato al patrimonio culturale, che prevede il monitoraggio diffuso delle opere d’arte, l’elaborazione intelligente dei dati rilevati, la digitalizzazione delle opere e la condivisione di informazioni con il pubblico, eventualmente anche on-line, assolvendo così al compito principale di salvaguardare le opere e di ampliare i modi per la loro fruizione, con un’esperienza arricchita da contenuti che abilitano una forma partecipata di memoria. Il punto di partenza è la piattaforma informatica per l’integrazione di sensori per l’edilizia monumentale chiamata “MuSA” già sviluppata da uno dei partner che, interfacciata con il sistema oggetto di CRISALIDE, costituirà un banco di prova ideale per rendere il sistema agevolmente testabile da utilizzatori finali. Partecipano al progetto in qualità di stakeholder interessati ai suoi risultati, essendo parte dei potenziali utilizzatori finali, anche istituzioni museali quali l’Archiginnasio dell’Istituzione Biblioteche di Bologna e la Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia che mettono a disposizione sale delle rispettive sedi, contenenti manoscritti e libri antichi, per la validazione in ambiente operativo del sistema prototipale e forniranno indicazioni ed informazioni utili a rendere il suo funzionamento il più possibile aderente alle esigenze museali. Il livello di sviluppo attuale dei dispositivi del progetto CRISALIDE è in fase di completamento del TRL4. 

Obiettivi

L’obiettivo principale è portare le tecnologie finora realizzate a livello di sviluppo TRL 6 integrandole in un sistema diagnostico e validandole all’interno di un ambiente museale.

Quindi è prevista la realizzazione di un prototipo di sistema integrato per la diagnostica predittiva e la digitalizzazione del patrimonio culturale librario. Il sistema prevede: – la replica digitale della sala ospitante le opere da monitorare, ottenuta con scansione 3D; – una rete di sensori wireless per il monitoraggio continuo della temperatura, dell’umidità e del grado di esposizione alla luce, all’interno della sala, all’esterno dell’edificio e nei contenitori che custodiscono le opere. Della rete di sensori fanno parte anche un nuovo sensore ottico wireless di spore fungine e le telecamere nel visibile e nell’infrarosso montate a bordo di nuovi occhiali a realtà aumentata. I dati provenienti dalla rete di sensori saranno inviati su server o cloud, organizzati in un database dedicato, ed elaborati mediante algoritmi di machine learning che individueranno eventuali anomalie prima che possano provocare danni alle opere monitorate. Sulla base dei dati, la piattaforma di monitoraggio dell’edificio (cfr. MuSA) fornirà al responsabile di edificio e, tramite gli occhiali a realtà aumentata, ai restauratori, la tipologia delle criticità, la localizzazione e tutte le informazioni utili a supportare il processo decisionale che stabilirà gli interventi ottimali per prevenire i fenomeni deteriogeni diagnosticati.